Antonino Crisafi
Antonino Crisafi nasce a Messina il 31 luglio 1935 da antica e nobile famiglia di gentiluomini messinesi di origine greca, decorata del titolo baronale. Nel 1953 acquisisce a giugno la maturità classica e a ottobre il diploma magistrale. Nel 1958 si laurea in giurisprudenza nella prestigiosa Università di Palermo. Nel 1961 intraprende la professione di Ufficiale dei Carabinieri e poi, congedatosi in anticipo dall’Arma con il grado di Colonnello, svolge attività di dirigente in una importante società di gestione e di costruzione di autostrade. In pensione si dedica ad attività umanitarie nell’ambito dei Lions e alla scrittura di romanzi e di poesie. È autore di dodici pubblicazioni. Per editrice La Grafica “gbe” di Verona: -1994 1°ed. e 1996 2°ed. “Il mal d’Arma”, in cui ripercorre le tappe salienti della sua vita da ufficiale di Carabinieri; -1995 “Il mal d’Alma”, con le sue poesie nel cassetto in cui racchiude le vibrazioni poetiche del suo cuore; -2010 “Misteri e leggende di Sicilia fra mitologia, storia e cronaca”, prima edizione, in cui, rivisitando la storia della Sicilia anche attraverso i suoi miti e i suoi personaggi, esprime al meglio il patrimonio delle sue origini siciliane; -2010 “Giustizia imperfetta, probabile e ingiusta e quella giusta esiste?” in cui, con arguta narrazione, rappresenta tre casi di cronaca giudiziaria emblematici di realtà dissimili dalla verità processuale ed un quarto caso che infonde fiducia sull’affermarsi della Giustizia; -2011 “Il Crocifisso di papà”, in cui racconta le vicissitudini di un sergente maggiore deportato in Germania dopo l’otto settembre 1943 nel terribile campo di prigionia di Buchenwald; -2015 “1915-2015 Due guerre mondiali e settant’anni di pace per l’Europa”, in cui, oltre all’analisi sul significato di guerra e di pace, vengono tratteggiati non tanto gli avvenimenti storici, ampiamente noti, quanto gli aspetti salienti delle organizzazioni internazionali istituite alla fine delle due guerre mondiali con l’intento di mantenere la pace fra i popoli, ma di fatto incapaci di assolvere tale importante e difficile compito. Per editrice Kimerik di Patti (ME): -2011 “I vecchi, una volta, avevano cinquant’anni”, un romanzo in cui si snoda la vicenda del barone don Lorenzo vissuto, come un novello Gattopardo, a cavallo tra la fine dell’Ottocento e l’inizio del Novecento, per il quale ha ricevuto la Menzione Speciale al Premio letterario nazionale Un libro amico per l’inverno - Anno 2011; -2012 “Gocce d’amore ovvero la malinconia del successo”, in cui, attraverso la parabola esistenziale di una ragazza di umili origini diventata in America una famosa cantante di jazz, si pone la riflessione di quando nella vita si può dire di avere avuto successo; partecipante al premio Campiello e Menzione d’onore al Premio letterario nazionale Un libro amico per l’inverno - Anno 2012, nonché terzo posto al premio internazionale Tulliola 2014; -2014 “Com’era triste Trieste” che racconta la storia d’amore che si intreccia fra una ragazza ebrea vissuta al tempo in cui il regime fascista, nel 1938, emanò le leggi antisemite e un giovane triestino accusato di propaganda fascista, nel maggio del 1945, dai partigiani di Tito che avevano occupato militarmente Trieste e buona parte della Venezia Giulia con mire annessionistiche; -2015 “Il mistero della donna chinata”, un avvincente romanzo che si tinge di giallo e che si impernia sul mistero di una statua in bronzo, di un famoso scultore, che rappresenta una bellissima donna nuda chinata nell’atto di infilarsi una calza e sull’assassinio del protagonista; -2017 “La famiglia Masier (Cari, vecchi cascinali abbandonati)” Percorrendo via Trezze, la strada che da Portegrandi di Quarto d’Altino in provincia di Venezia conduce verso Caposile, si può osservare una suggestiva serie di case coloniche abbandonate, e in parte diroccate.Ca’ Romagna, Ca’ Fertile, Ca’ Feconda, Ca’ Favorita, Ca’ Speranza, Ca’ Florida, Ca’ Risorta, Ca’ Redenta, Ca’ Imperia sono i nomi, tuttora leggibili sul frontale, che ci riportano al tempo in cui furono costruite ed assegnate a famiglie di contadini. .Questo romanzo è la storia di una di esse, Ca’ Speranza, e della grande famiglia patriarcale che vi abitò a lungo, i Masier, poveri contadini veneti provenienti da Rivalta; secondo posto al premio letterario nazionale Franz Kafka di Udine; -2018 “Misteri e leggende di Sicilia, fra mitologia, storia e cronaca”, nuova edizione 2018. E’ un breve saggio storico sulla Sicilia, sui suoi affascinanti miti e sulla sua antica civiltà. Rispetto a quella precedente del 2010, questa nuova edizione è arricchita da alcuni capitoli e da un’appendice con alcune poesie in dialetto siciliano recitate dallo stesso autore in un Cd annesso. È coniugato con Annamaria Boer ed ha due figli. Con la moglie, è cittadino onorario di Mossano (VI). Vicenza, 10 febbraio 2019 (Antonino Crisafi) Contrà Porta Padova n.55- 36100 Vicenza Telefono 0444 322252 - cell. 3483157890 e.mail: antonino.crisafi35@gmail.com Sito internet: www Antonino Crisafi poeta e scrittore 2015

LIBRI PUBBLICATI

EBOOK PUBBLICATI

ANTOLOGIE

RICONOSCIMENTI

IX Edizione Premio Letterario Nazionale Franz Kafka Italia, 2019
Libro: La Famiglia Masier
Secondo classificato
Gran Galà Rende...in versi VIII edizione , 2018
Libro: La Famiglia Masier
premio alla carriera per la cultura
Premio Letterario Nazionale , 2017
Libro: Com'era triste Trieste
Premio Speciale miglior Opera Storica
Premio Letterario Internazionale Montefiore 6^ Edizione , 2016
Libro: I vecchi, una volta, avevano cinquant’anni
Targa
Premio Letterario Internazionale Montefiore, 2016
Libro: I vecchi, una volta, avevano cinquant’anni
Targa Montefiore
XXII Edizione del Premio Tulliola Renato Filippelli , 2014
Libro: Gocce d’amore
Terzo posto
Premio Letterario Nazionale Un libro amico per l'inverno, 2013
Libro: Gocce d’amore
Finalista
Premio letterario Un libro amico per l'inverno, 2011
Libro: I vecchi, una volta, avevano cinquant’anni
Finalista
Premio letterario Un libro amico per l'inverno, 2011
Libro: I vecchi, una volta, avevano cinquant’anni
Menzione Speciale