Mare Nostrum Libertà violata
di Giulio Buonanno
ISBN: 978-88-6096-170-9
Formato: Rilegato
Genere: Narrativa
Anno: 2007
Pagine: 130

Non è infrequente che la lettura d’azione, e specialmente il giallo e il noir, si tingano di contenuti sociali: spesso, anzi, questo genere di opere offre le più convincenti rappresentazioni della realtà in cui viviamo (il che, dato il genere letterario in questione, suggerisce inquietanti considerazioni). Non si contano i romanzi e i racconti polizieschi basati sul traffico di droga e sulla mafia, sui sequestri e sul contrabbando. Meno frequenti sono quelli incentrati su uno dei fenomeni più atroci e meno dibattuti del nostro tempo, la tratta di esseri umani, vero schiavismo contemporaneo. In Italia si possono ricordare, a questo proposito, alcuni famosi romanzi di Giorgio Scerbanenco come Venere privata e I milanesi ammazzano al sabato, opere di denuncia e di rottura rispetto ai canoni tradizionali del “crime story” nostrano. Sulla stessa linea di accurata - per quanto atroce - documentazione e doverosa denuncia si pone anche Mare Nostrum, avvincente epopea di una coppia di giovani improvvisamente catapultati nella realtà orrenda della tratta delle bianche. Naturalmente, però, i meriti di un libro non possono misurarsi solo sull’incidenza sociale del tema trattato: Giulio Buonanno conosce bene i meccanismi del genere: un susseguirsi di colpi di scena, una tensione che non cala mai, una particolare abilità nel cesello dei personaggi. Comunque lo si voglia vedere, opera di denuncia o romanzo d’avventure, agghiacciato (e agghiacciante) dossier su una delle realtà più ripugnanti del XXI secolo o pulp fiction, Mare Nostrum ha il non trascurabile pregio di avvincere il lettore dalla prima all’ultima pagina.

     
Nessun commento inserito
Per inserire un commento dei effettuare l'accesso

DELLO STESSO GENERE