''Che-i sa canna in-su bentu'' de Grassia Deledda
di Gianni Manca
ISBN: 978-88-5516-945-5
Formato: Rilegato
Genere: Saggi storici
Collana: Officina delle idee
Anno: 2021 - Mese: novembre
Pagine: 216
Disponibile anche in formato eBook

Tradurre Grazia Deledda in nugoresu berteru: una sfida immane che Gianni Manca lancia proprio nel 150° anniversario della nascita della scrittrice di Nuoro premio Nobel per la letteratura. Tra una celebrazione e l’altra, il romanzo Canne al vento prende ora forma come Che-i sa canna in-su bentu. È forse l’opera più nota di Grazia Deledda, che parlava e amava la sua lingua materna, “su nugoresu” appunto, benché avesse scelto di scrivere in italiano con il chiaro intento di avere una platea ben più vasta di quella che poteva assicurarle la sua “piccola” Sardegna. Grazia Deledda ha sempre attinto a piene mani dal microcosmo che la circondava, dal patrimonio delle tradizioni popolari come pure dalle leggende, dai fatti e fattacci di cronaca come pure dalla lingua sarda, ricca di espressioni intraducibili che ha spesso lasciato intonse nelle sue opere. La traduzione di Manca è una trasposizione in nuorese verace. Esistono già traduzioni in sardo, sia di Canne al vento sia di altri libri. Perché allora in nugoresu berteru? «Perché dobbiamo salvare e coltivare la nostra lingua materna, che era anche la lingua materna di Grazia Deledda» risponde Manca. Ogni parola è vissuta, viene cercata, scandagliata e rivoltata; ogni frase riscritta, riadattata e limata come soltanto i migliori artigiani sanno fare.

Luciano Piras

     
  • 06/12/2019 18:00:00 - Una strada tra la mente e il cielo, presentazione a Nuoro
  • 21/06/2018 18:30:00 - Il Canto della crisalide, presentazione a Nuoro
  • 25/05/2018 18:30:00 - Il canto della crisalide, presentazione a Nuoro
  • 12/05/2017 18:00:00 - Gianni Manca parteciperà al Festival 'La Palabra en el Mundo'
  • 25/03/2016 18:00:00 - 'Viaggio attraverso i pensieri', presentazione a Nuoro
Nessun commento inserito
Per inserire un commento dei effettuare l'accesso

DELLO STESSO GENERE