Come Lava incandescente - La bioetica si racconta
di Giusy Tuzza
ISBN: 979-12-5466-157-4
Formato: Rilegato
Genere: Racconti
Collana: Percorsi
Anno: 2022 - Mese: settembre
Pagine: 142

Disponibilità immediata

Disponibile anche in formato eBook


18,00 €
Aggiungi al carrello

Sintesi

Come Lava incandescente racconta, attraverso le vicende dei vari personaggi che attraversano la raccolta, lo smarrimento dell’uomo contemporaneo di fronte alla crisi dei valori dell’età post-moderna, dove l’individuo è orfano delle grandi certezze del passato e si ritrova nudo a dover fare i conti con il nuovo precetto occidentale della “morte di Dio”.
È in questo palcoscenico che diventa essenziale una riflessione bioetica sulla valenza epistemologica dei diritti umani quale limite obiettivo all’arbitrio e alla volontà di potenza. E la questione è di primaria importanza nella nuova visione delle cose, laddove al caso e alla necessità è subentrato l’ampliamento della sfera decisionale e delle scelte individuali.
L’uomo contemporaneo, privato dei valori e delle certezze, si trova ad affrontare una tale complessità dei dilemmi etici di fronte a questioni pratiche, inedite e squisitamente umane delle sfumature della propria IDENTITÀ. Si trova, per di più, al cospetto del suo ritratto a misurarsi con il sospetto, inevitabilmente terribile da sostenere, che nel processo di trasformazione della realtà – che tanto sembra avvicinarlo a Dio – è lui stesso, primo fra tutti, a dover lasciarsi trasformare per integrarsi con il vuoto tangibile, staccandosi dalle mere convenzioni cui è educato attraverso le quali, altrimenti, cadrebbe in una violenza feroce, quotidianamente non solo pianificata, ma anche “accettata”, dalla società. Al “tutto è possibile” deve subentrare la capacità dell’uomo di pensare autonomamente. Ciò significa che l’individuo si porrà finalmente come un libero soggetto pensante, proiettato armonicamente nella realtà da cui è stato (o si è) distaccato, solo quando il pensiero si identificherà con la facoltà del giudizio, cioè la capacità di comprendere gli eventi attraverso la più politica delle attività della mente.

Nata il 4 luglio 1986, avvocato e mamma di una deliziosa bambina di tre anni, Giusy Tuzza è stata considerata una promessa del panorama letterario siciliano. Scrittrice molto apprezzata, emerge nello scenario poetico nel 2005 con la raccolta di poesie Emozioni, ed. Ibiskos-Ulivieri, presentata alla Fiera del Libro di Torino. Nel 2007 arriva la sua seconda pubblicazione, Nel riflesso dei miei giorni, ed. Ibiskos-Ulivieri, grazie alla quale le viene riconosciuta dalla critica un’innata espressività artistico-letteraria. Detentrice del Trofeo Archimede nel 2009, è vincitrice di molti concorsi letterari nazionali e internazionali, tanto da essere orgogliosamente insignita del titolo di Accademico dell’Accademia Internazionale “Il Convivio” per i meriti artistici. Nel 2020 pubblica il racconto filosofico Il manto di Cerere, ed. Fondazione M. Poliedrica, riflessiva e solare, pienamente innamorata della sua Sicilia, è un’attenta studiosa delle questioni bioetiche, tanto da vantare la pubblicazione della sua tesi di laurea in biogiuridica I batteri non riconoscono il nemico. Dal connubio tra sicilianità, letteratura e bioetica nascono le riflessioni che stanno a sostegno dei racconti contenuti nella sua ultima pubblicazione. Attualmente ricopre la carica di vicesindaco e assessore di Francofonte, il paese in cui vive.

Leggi la biografia completa
Lettore, 4  settembre  2022  18:54
Libro interessante
Per inserire un commento devi effettuare l'accesso

DELLO STESSO GENERE